mercoledì 12 marzo 2014

Telepatia capacità di trasmettere, percepire, condividere emozioni a distanza.

La telepatia è uno di quei fenomeni che vengono accettati come possibilità o realtà oppure come qualcosa senza sostanza rappresentata da un abile illusionista. 
Essenzialmente riguarda il fatto che menti separate possano essere in collegamento al di là della distanza o delle circostanze. La questione è molto controversa. Da una parte si accetta la realtà di questo fenomeno e dall’altra si rifiuta a priori.
La telepatìa, detta anche trasmissione del pensiero, è la ipotetica capacità di comunicare con la mente, cioè senza l'utilizzo di altri sensi o strumenti. Il termine "telepatia" venne introdotto nel 1882 da Frederic William Henry Myers e deriva dal greco τηλε, tèle (lontano) e πάθεια, pàtheia (sentimento). Come la precognizione e la chiaroveggenza, la telepatia fa parte delle cosiddette percezioni extrasensoriali o ESP e più in generale, di quello delle presunte "facoltà paranormali". Rientra nel campo di indagine della parapsicologia.

Ma allora esiste davvero o si tratta solamente di una fantasia umana?






















Tutti siamo consapevoli che sono esistiti (ed esisteranno sempre) degli uomini e delle donne dotati di un fascino personale talmente carismatico e potente da riuscire a trascinare gli altri e coinvolgerli. I grandi capi, i conquistatori, i dittatori della Storia, possiedono infatti in grado eccezionale questa straordinaria dote. Ma, a prescindere dalla Storia, possiamo osservare come un gran numero di persone, grazie a quel misterioso “non-so-ché” che aleggia intorno a loro, hanno il potere di dominare i loro simili,di affascinarli e di ottenere da essi quanto vogliono. Questo fenomeno avviene sia che agiscano de visu sia che usino la loro influenza a distanza. Tali persone sembrano avere il dono di leggere nelle menti altrui e di influenzarne i pensieri e le decisioni. Ed in realtà è proprio così. Si tratta infatti di individui che posseggono la meravigliosa facoltà di “vedere e di sapere” (nel senso lato del termine), leggendo in qualche gli stati d'animo degli altri, per via di caratteristiche a loro innate, di sensibilità personale ed intelligenza (il prefisso “tele” deriva dal greco e significa appunto lontano).
Si tratta, in altri termini, di influenza personale carismatica esercitata da una mente sull'altra, sotto forma però di magnetismo personale, ossia mediante un vero e proprio fascino tramite il quale una persona può influenzarne un'altra senza bisogno di avere con quest'ultima un contatto fisico.

Se fossimo tutti dotati di questo straordinario potere, chissà quanti problemi risolveremmo?   Concentriamoci tutti e salviamo L’italia! 

  La redazione Il Papavero Magazine
   G.R.