domenica 2 marzo 2014

L'evoluzione dei 50 anni di Barbie

Tutto ha inizio quando Ruth decide di lanciare sul mercato un giocattolo che apra ai bambini le porte della vita adulta. La creatrice, si mette così alla ricerca di un’idea per una nuova bambola che non sia bambina ma una vera donna, con lunghe gambe e seno formoso e fisico mozzafiato..
Durante un viaggio in Svizzera, Ruth si imbatte in Lilli, l’antenata ufficiale della Barbie. Si tratta di una bambola in plastica piuttosto allegra e birichina. La prima Barbie si ispira proprio alla gemella tedesca ed ha la vita stretta e le gambe sottili. La Mattel decide di produrla in vinile con i capelli sia biondi che bruni raccolti nella classica pettinatura raccolta detta Ponytail, coda di cavallo, da cui deriverà il nome della prima serie.

La bambola indossa un semplice body zebrato e i piedini hanno al centro un piccolo buco che permette di innalzarla sul piedistallo con cui viene venduta.
La prima Barbie, la prima bambola con le curve di una giovane donna, il cui nome per esteso è Barbara Milicent Roberts, viene presentata ufficialmente alla fiera American Toy Fair di New York nel 1959.
La bambola nasce dall’estro della coppia fondatrice della Mattel, gli americani Ruth e Elliot Handler. Barbie fece la sua apparizione nei negozi il 9 marzo 1959, vestita con un costume zebrato, e con i capelli legati con una lunga coda. Costruita in Giappone, nel primo anno di "vita" furono venduti 350.000 Barbie. Mentre Barbie si rivelava uno dei giocattoli più venduti al mondo, Mattel ne accresceva il mito, inventando una vera e propria biografia.
Alla bambola venne assegnato un nome completo, Barbara Stefania Roberts. La famiglia di Barbie è composta da molte sorelle: Skipper,  Stacie, Shelly e la piccola Krissy.  Per molti anni il suo fidanzato è stato Ken. Barbie ha avuto 38 animali: gatti, cani, cavalli, un panda, un cucciolo di leone e persino una zebra. 

Barbie ha avuto decappottabili rosa, camper. Ha inoltre una patente di volo sui quali ha lavorato come hostess. La migliore amica di Barbie è Midge, un personaggio scomparso per molti anni e recuperato da Mattel solo recentemente.
Adesso proviamo insieme a fare un salto indietro nel tempo. Tra le Barbie della storia che hanno colpito l’immaginario infantile troviamo Barbie Day to Night (la bambola versione anni Ottanta che poteva essere cambiata con abiti da giorno e da sera); Barbie Western (in stile cowgirl con un pulsantino sulla schiena che attivava un occhiolino decisamente ammiccante); Barbie Superstar (con abiti rosa e gioielli che nasce a metà degli anni Settanta); Barbie Golden Dreams (in versione sfavillante); Barbie Ballerina (vestita da danzatrice) e infine Totally Hair Barbie (con i capelli lunghi fino alle caviglie, lanciata nel 1992 e che ancora oggi resta la più venduta al mondo). La più scandalosa? Quella sadomaso ovviamente, vale a dire Black Canary Barbie, accessoriata con giubbotto in pelle, calze a rete, guanti neri e stivali.

Insomma, Barbie rimane l'icona per grandi e piccini, rimane il desiderio per gli amanti di questa stupenda pin-up. Mi sono appassionata fin da piccola di Barbie oggi ne ho tante e le colleziono, quando vado a New York al negozio della Mattel, mi ritrovo in mezzo a milioni di Barbie una più bella dell'altra, vi consiglio di visitarlo vi sembrerà di ritrovarvi in una grande famiglia allegra serena spensierata, e in un attimo tornerete bambini già adulti.

La redazione Il Papavero Magazine
Tiziana Randazzo