lunedì 10 marzo 2014

Le mani sono il primo biglietto da visita

Lo smalto per unghie è stato creato all'incirca nel 3000 A. C Forse i cinesi e gli antichi Egizi furono i primi ad utilizzare, lo smalto. I cnesi usavano dei colori laccati, composti da gomma arabica,albume d'uovo, gelatina e cera d'api, ma usano anche dei composti a base di rosa, orchidea ed altri petali misti. Queste si utilizzano dopo poche ore o durante la notte, ed hanno una gamma di colori che vanno dal rosa al rosso. Gli antichi Egizi utilizzavano un tipo di hennè per dipingersi le unghie, il colore era rosso o bruno-rossastro l'henné, usato in tutto il mondo come tinta per capelli, è tutt'oggi utilizzato da alcuni popoli per dipingersi le unghie i nobili cinesi usavano smalti dorati e argentati, mentre i Ming prediligeva i colori rossi e neri... Gli Egizi, invece, preferivano il rosso. Nefertiti, moglie di Akhenaton dipingeva la sua parrucca e le unghie di rosso, mentre Cleopatra utilizzava un rosso scuro tendente al bordeaux  Gli Incas  usavano dipingersi le unghie con motivi unici e particolari.
Dal XIX secolo si usa una miscela di oli rossi scelti e raffinati per la produzione di smalti per unghie. Il secolo successivo si utilizzeranno delle polveri e creme colorate per le loro unghie. Quando fu inventata l'automobile, lo smalto per unghie incominciò ad essere ispirato allo smalto per la carrozzeria della macchine stesse. Lo smalto per unghie è molto diffuso e amato dalle donne di tutto il mondo, per la vasta gamma di colori e particolarità.

Molti smalti per unghie sono composti con solventi miscelati a coloranti. Altri componenti di base: resina e plasticizzanti, resine per dare allo smalto adesività e brillantezza; filmogeni per proteggere trasparenza e aderenza.

Sapevate che ORLY ha introdotto il primo, vero look per le unghie universalmente riconosciuto ed utilizzato?
Nel 1975, Jeff Pink  lavora come Manicurist sui set cinematografici di Hollywood:


“L’idea per il look della French Manicure mi venne nel 1975. I registi volevano uno stile per le unghie versatile, per completare l’intero guardaroba delle star hollywoodiane. Stavano cercando un unico look che doveva coordinarsi con i numerosi cambi d’abito giornalieri delle attrici. Prima della French Manicure, i manicuristi erano soliti cambiare lo smalto svariate volte per abbinarlo al cambio d’abito. Ma tuttò ciò portava via troppo tempo.  Una volta che ho insegnato agli stilisti delle star a dipingere le unghie con la punta bianca incurvata le celebrità se ne sono innamorate! Ho capito che il look più elegante e universale è quello naturale.”

Nacque così l’ originale French Manicure!
Perchè venne chiamata così?
Perchè, dopo aver conquistato Hollywood, questa Manicure si vedeva in tutte le passerelle della moda di Parigi, facendo innamorare le donne di tutto il mondo!
Ancora oggi la French Manicure rimane il look classico e intramontabile per eccellenza, che permette alle donne di tutte le età di essere perfette in tutte le occasioni: dal lavoro alla discoteca, dal primo appuntamento al giorno delle nozze, a una sfilata, sul set cinematografico. Con il passare del tempo poi il french manicure diventa sempre più estroso e particolare. Tante modelle, tante nailart artist e tante blogger sfoggiano coloratissime french manicure con vari dettagli estrosi e particolari.


Consiglio a tutte le donne una buona cura delle proprie mani, sempre con classe ed eleganza , non troppo lunghe e non troppo colorate durante il lavoro e la vita quotidiana, consiglio una french manicure neutra. Per un evento importante un pò di estro non deve mancare. Nel periodo estivo il colore rosso e il migliore compagno di eleganza e estrosità senza eccedere con la lunghezza.
Ricordati sempre di abbinare il colore dello smalto ad un capo che indossi, tipo una borsa o un paio di scarpe, mai indossarlo uguale al trucco risulterebbe molto pesante.
Buona Manicure a tutti

La redazione Il Papavero Magazine
Tiziana Randazzo